Home / Rubriche / Cosa aspettarsi dalla WWDC 2018

Cosa aspettarsi dalla WWDC 2018

Fra pochissimi giorni, precisamente Lunedì 4 Giugno 2018 alle ore 19 si terrà il keynote di apertura della WWDC dove verranno presentate le prossime major release di tutti i sistema operativi di casa Apple (iOS, macOS, tvOS, watchOS). Ma quali saranno le novità di questi nuovi aggiornamenti? Dobbiamo aspettarci colpi di scena improvvisi o solo grandi delusioni? Andiamolo a vedere dettagliatamente in questo articolo speciale.

Parto subito in grande dalla novità che attendiamo di più “iOS 12” il successore dello sfortunato “iOS 11”, Cosa ci aspettiamo, o forse meglio, cosa IO mi aspetto da questo nuovo aggiornamento, Andiamolo a vedere insieme nell’elenco qui sotto:

  • Miglioramenti generali delle performance, della stabilità, della sicurezza, della qualità dell’intero sistema operativo e della reattività di iPhone, iPad e iPod Touch (In particolare sui vecchi modelli)
  • Novità per l’app “iBooks” che oltre a cambiare nome in “Libri” introdurrà una nuova grafica uguale a quella già vista con l’App Store di iOS 11.
  • Novità per l’app “Foto” con l’introduzione dell’intelligenza artificiale e del machine learning in grado di riconoscere anche animali e oggetti per poi catalogarli come già avviene con i volti delle persone.
  • Integrazione completa di Shazam in “Siri” magari grazie al riconoscimento, tramite parole chiavi e frasi, di film e serie tv.
  • Progetto Marzipan: Unificazione completa tra sistema operativi “iOS” e “macOS”, quindi app multipiattaforma che girano, alla stessa maniera con la stessa interfaccia grafica, su entrambe le piattaforme.
  • Novità anche nell’app “FaceTime” grazie all’introduzione della chiamate di gruppo, sarebbe gradito anche un rinnovamento grafico.
  • Funzionalità dedicate per genitori (Tipo controlli parentali) in modo da bloccare determinate applicazioni o / e siti web che i figli visitano compreso un maggiore controllo del tempo di schermo attivo.
  • Novità per il framework “ARKit” grazie all’introduzione delle funzionalità multiplayer sui giochi in realtà virtuale.
  • App “Borsa” completamente rifatta sotto tutti i punti di vista, a partire dal lato grafico fino ad arrivare al lato funzionalità. Forse arriverà anche su iPad… insieme alla calcolatrice.
  • Le Animoji vedranno l’introduzione di nuovi personaggi (Forse quelli Disney e Pixar) oltre ad arrivare anche nell’app Messaggi” su iPad e in “FaceTime su tutti i dispositivi Apple macOS compreso.
  • Nuova funzione per “Non disturbare” grazie alle opzioni per silenziare certi tipi di chiamate (Comprese quelle anonime) e alcune notifiche a nostra scelta.
  • Nuovo menù apposito per quando andremo ad importare foto e video su iPad.
  • Maggiore integrazione di “Siri” in tutte le app e in Spotlight grazie a nuove API apposite.
  • Redesign completo di tutta l’interfaccia grafica di iOS (Come avvenuto con iOS 7 nel 2013).
  • Introduzione della modalità “DarkMode” in particolare grazie al display OLED dell’iPhone X e forse dei nuovi iPad Pro che appunto dovrebbero essere presentati durante il Keynote di apertura della WWDC.
  • Nuova interfaccia grafica per CarPlay, maggiore integrazione con le app di sistema senza dimentica la massima sicurezza alla guida.
  • Aggiornamento grafico e funzionale, grazie all’introduzione di un nuovi toggle per silenziose i thread, nell’app “Mail” su iOS e macOS.
  • Le funzionalità multitasking, già viste su iPad, potrebbe arrivare anche su iPhone 8 Plus e iPhone X.
  • Applicazioni in Tab su iPad.
  • Multi windows completo e funzionale della stessa app su iPad.
  • Supporto completo alla tecnologia “AirPlay 2” che consentirebbe il supporto al multi-room e l’abbinamento stereo su più HomePod oltre a garantire maggiore stabilità.
  • Possibilità di inserire widget all’interno della Home del sistema operativo.
  • Nuova interfaccia grafica per l’app “iTunes” grazie ad uno snellimento totale, e un design e simile a quello della nuova app “Libri”.
  • Nuovi sfondi dinamici grazie all’introduzione delle “Complicazioni” come quelle già viste su Apple Watch fin dalla sua introduzione nel 2015.

Sul lato novità non ho nient’altro da aggiungere, passiamo al lato compatibilità.

Sicuramente sarà possibile istallare iOS 12 su:

  • iPhone 6
  • iPhone 6 Plus
  • iPhone 6s
  • iPhone 6s Plus
  • iPhone SE
  • iPhone 7
  • iPhone 7 Plus
  • iPhone 8
  • iPhone 8 Plus
  • iPhone X

  • iPad Mini 3
  • iPad Mini 4
  • iPad (5 Generazione)
  • iPad (6 Generazione)
  • iPad Air 2
  • iPad Pro 9.7
  • iPad Pro 10.5
  • iPad Pro 12.9 (1 Generazione)
  • iPad Pro 12.9 (2 Generazione)

  • iPod Touch (6 Generazione)

Mentre su questi dispositivi il supporto potrebbe terminare con iOS 11 rendendo quindi impossibile istallare iOS 12:

  • iPhone 5s
  • iPad Mini 2
  • iPad Air

Dopo tutto questo pippone su iOS 12 passiamo alle novità più attese e sperate di MacOS 10.14:
  • Dopo vari anni con i nomi dei grandi felini (Cheetah, Jaguar, Panther, Tiger, Leopard, Snow leopard, Lion, Mountain Lion), Apple è passata ad usare nomi di luoghi significati della California: Mavericks nel 2013 (10.9), Yosemite nel 2014 (10.10), El Capitan nel 2015 (10.11), Sierra nel 2016 (10.12) e High Sierra nel 2017 (10.13), Quest’anno il nome dovrebbe seguire ancora questa strada considerando anche le recenti registrazioni di marchi specifici da usare per le prossime versioni di macOS.
  • Miglioramenti generali delle performance, della stabilità, della sicurezza, della qualità dell’intero sistema operativo e della reattività dei vari Mac (In particolare sui vecchi modelli)
  • Progetto Marzipan: Unificazione completa tra sistema operativi “macOS” e “iOS” , quindi app multipiattaforma che girano, alla stessa maniera con la stessa interfaccia grafica, su entrambe le piattaforme.
  • Novità per l’app “Foto” con l’introduzione dell’intelligenza artificiale e del machine learning in grado di riconoscere anche animali e oggetti per poi catalogarli come già avviene con i volti delle persone
  • Introduzione delle chiamate di gruppo nell’app “FaceTime”, sarebbe gradito anche un rinnovamento grafico.
  • Aggiornamento grafico e funzionale, grazie all’introduzione di un nuovi toggle per silenziose i thread, nell’app “Mail” su macOS e iOS.
  • Novità per l’app “iBooks” che oltre a cambiare nome in “Libri” introdurrà una nuova grafica uguale a quella già vista con l’App Store di iOS 11.
  • Introduzione della modalità “DarkMode”, se né parla da anni, con macOS 10.10 Yosemite Apple ha introdotto un’opzione che permette di scurire la barra dei menù e il Dock, però non è una vera modalità Dark e neanche si avvicina ad essa, Forse quest’anno è arrivo il momento giusto per inserirla tra le novità di macOS 10.14
  • Fino del supporto per le app a 32bit su macOS, Apple ha già informato gli sviluppatori che dal 1 Giugno non saranno più accettati aggiornamenti per tali app inoltre in macOS 10.13.4 è stato introdotto anche un’avviso che avvisa che lo sviluppatore deve aggiornare l’app per migliorare la compatibilità avvisando appunto che in futuro non sarà più compatibile.
  • Supporto completo della unità Fusion Drive al nuovo file system “APFS”.
  • L’app “Casa” sbarca anche su macOS permettendo quindi di controllare tutto il mondo della domotica, in particolare tutti gli accessori compatibili con “HomeKit”, anche tramite l’assistente vocale “Siri”.
  • Come già avvenuto con iOS anche su macOS arriverà l’integrazione di “Siri” nelle app e in Spotlight grazie a nuove API apposite.
  • Funzionalità dedicate per genitori (Tipo controlli parentali) in modo da bloccare determinate applicazioni o / e siti web che i figli visitano compreso un maggiore controllo del tempo di schermo attivo.
  • Il Mac App Store cambierà veste grafica per adottare la stessa già usata sull’App Store di iOS 11, inoltre verranno introdotte tutte le funzionalità come i contenuti editoriali e i suggerimenti curati dalla stessa Apple.
  • Le Animoji potrebbero arrivare anche nell’app “Messaggi” e “FaceTime” su macOS.
  • L’App “News” potrebbe arrivare su MacOS 10.14 e speriamo anche in Italia su entrambe le piattaforma: Mac e iOS.
  • Nuove scorciatoie ad accesso rapido da usare con la tastiera a trackpad.
  • Introduzione delle “Complicazioni”  come quelle già viste su Apple Watch fin dalla sua introduzione nel 2015.
  • Split-Screen in stile iPad con opzioni per il trascinamento in grado di ridimensionare o eliminare la vista a schermo diviso.

Dopo aver parlato sulle presunte novità che macOS 10.14 potrebbe avere, passiamo al lato compatibilità:

  • MacBook (2010 e successivi)
  • iMac (Metà 2010 e successivi)
  • MacBook Air (Metà 2011 e successivi)
  • MacBook Pro (2011 e successivi)
  • Mac Mini (Metà 2011 e successivi)
  • Mac Pro (2011 e successivi)

Se invece Apple deciderà di renderlo compatibile solo con i Ma che supportato la tecnologia grafica “Metal” sarà installabile su:

  • MacBook (2015 e successivi)
  • iMac (Fine 2012 e successivi)
  • MacBook Air (Metà 2012 e successivi)
  • MacBook Pro (2012 e successivi)
  • Mac Mini (Fine 2012 e successivi)
  • Mac Pro (2013)

Passiamo alle possibili novità di WatchOS 5:

  • Nuove WatchFaces di sistema create in collaborazione con Disney (Gli Incredibili) e Pixar (Star Wars).
  • Possibilità di scaricare WatchFaces diverse da quelle di sistema e quindi create da sviluppatori terzi.
  • Arrivato di app di terze parti (Facebook, WhatsApp solo per citarne alcuni)
  • Maggiore integrazione delle app di terze parti con le funzionalità Software e Hardware dell’Apple Watch.
  • Visto l’arrivo della WatchFaces personalizzabili sarebbe gradito l’arrivo dei temi, non fraintendetemi per “Temi” intendo la possibilità di cambiare l’aspetto grafico della schermata app e della Home di sistema dell’Apple Watch.
  • L’App “News” potrebbe arrivare su Watch OS 5.0 magari aggiungendo l’integrazione con l’assistente vocale “Siri”.
  • L’App “Podcast” sbarca anche su Apple Watch permettendo l’ascolto di Podcast sul nostro dispositivo indossabile magari mentre facciamo attività fisica.
  • Modalità nativa per tracciare il sonno, Sarebbe bello ma rimane sempre il problema batteria, forse con un’Apple Watch Series 4…
  • Always-On Display, anche qui però c’è sempre il problema batteria.
  • Miglioramenti generali nell’App “Attività” e “Allenamento” grazie all’introduzione di una nuova grafica più chiare e lineare, statistiche complete e dettagliate senza passare su iPhone, rilevamento automatico delle attività.
  • Possibilità di usare l’Apple Watch configurato su diversi iPhone e non più uno solo.
  • Possibilità di utilizzare la corona dell’Apple Watch per controllare il volume del telefono o della cuffie “AirPods”.
  • Indicatore “Off-Wrist” in grado di tenere traccia e mostrare la quantità di notifiche ignorate e quindi non lette.

Per quanto riguarda la compatibilità, sicuramente WatchOS 5 potrà essere istallato su:

  • Apple Watch Series 1
  • Apple Watch Series 2
  • Apple Watch Series 3 (GPS)
  • Apple Watch Series 3 (LTE)

Mentre sull’Apple Watch (Original), per farmi capire, sto parlando del primo modello uscito ne 2015, potrebbe non essere possibile istallare WatchOS 5 per via del processore datato e della sua lentezza.


Chiudiamo il lato della novità software parlando delle delle presunte novità di TvOS 12:

  • L’app “Casa” sbarca anche su TvOS permettendo quindi di controllare tutto il mondo della domotica, in particolare tutti gli accessori compatibili con “HomeKit”, anche tramite l’assistente vocale “Siri”.
  • Finalmente “Siri” parlerà anche in Italiano, fin dal suo lancio nel 2015 la versione dell’assistente vocale su Apple TV non ha mai parlato nella nostra lingua, anche se su tutti gli altri dispositivi Apple è presente ormai da anni, Forse è arrivato il momento…
  • Modalità “Trova il mio telecomando” nell’app “Trova Il Mio iPhone”, può sembrare un’idea stupida ma come già successo con le “AirPods” anche il telecomando per me è soggetto a smarrimento e questa modalità potrebbe aiutarci a ritrovarlo.
  • L’App “News” potrebbe arrivare anche TvOS 12 aggiungendo magari l’integrazione con l’assistente vocale “Siri”.
  • Introduzione della funzione “Picture-In-Picture”, come su iPad e Mac.
  • Browser web “Safari”, sarebbe sicuramente una funziona utile anche se sarà molto difficile vedere questa novità in quanto la stessa Apple aveva dichiarato inizialmente che il supporto per il Browser non sarebbe mai arrivato, Staremo a vedere…
  • Possibilità di scattare “Screenshot” senza dover ricorrere a servizi esterni.
  • Possibilità di scegliere il proprio “Screensaver” personalizzato senza dover per forza ricorrere a solo quelli di Apple.
  • Supporto alla multi-utenza in modo da rendere più semplice l’accesso alle proprie app e ai canali preferiti per i diversi membri della famiglia.
  • Supporto per l’audio “Dolby Atmos” come premesso qualche mese fa.
  • Playlist iCloud condivise per film e programmi TV.

Per quanto riguarda la compatibilità, Tv0S 12 potrà essere istallato su tutte le Apple TV a partire da quella presentata a Settembre del 2015, quindi in poche parole:

  • Apple TV (4 Generazione – Presentata a Settembre 2015)
  • Apple TV (4K – Presentata a Settembre 2017)

Passiamo al lato più importante le novità Hardware:

  • Presentazione del Mac Pro senza però annunciarle la commercializzazione, Le novità dovrebbero essere moltissime, a partite da un nuovo inedito design modulare pensato appositamente per i clienti “Pro” che hanno bisogno della massime prestazioni senza prestare attenzione al prezzo.
  • Presentazione di un nuovo monitor “Pro” targato Apple, Il design è ancora inedito anche se dovrebbe essere del tutto uguale a quello dell’attuale iMac Pro solo con una risoluzione maggiore (8K o superiore).
  • Presentazione dei nuovi MacBook “12” e MacBook Pro, le uniche novità dovrebbero essere solo Hardware senza passare dal design che per altro non ha bisogno di essere rivisto in quanto, l’attuale, risale a soli pochi anni fa.
  • Presentazione dei nuovi iMac (Non “Pro), come per i Mac portatili anche qui nessuna novità estetica ma solo Hardware.
  • Presentazione del fantomatico MacBook “Air” economico, Secondo alcune fonti il display dovrebbe essere da 13 pollici di tipo “Retina” mentre il design sarà molto simile all’attuale MacBook Air che già conosciamo da anni, Il prezzo non dovrebbe superare i 1.000$ rendendolo di fatto il Mac più economico di sempre.
  • Presentazione di un nuovo Mac Mini, possiamo ancora sperare per la WWDC 2018 o meglio aspettare autunno 2018….
  • iPhone SE 2, il mese scorso s’era parlato di una probabile presentazione a Maggio ma così non è stato, magari Apple potrebbe sfruttare la grande visibilità e attenzione di tale evento per presentarlo, Ma secondo me, a questo punto, e più probabile che sia stato rimandando a Settembre 2018 insieme ai nuovi iPhone top di gamma.
  • Presentazione dei nuovi iPad Pro, anche qui difficile prevedere le novità previste, nei mesi scorsi sera parlato di un probabile arrivato di un nuovo design totalmente senza bordi con Notch, display OLED e sensore per il riconoscimento facciale “Face ID”.
  • iPhone X “Economico”, Potrebbe essere come un fulmine a ciel sereno se Apple decidesse di presentare durante questo evento un nuovo iPhone X più economico, se né parla ormai da mesi ma tutte le voci lo davano per Settembre 2018 e non per Giugno 2018, anche perchè dal 2011 gli iPhone vengono presentati in autunno e non più in estate durante la WWDC.

Per ultimo vi ricordo che c’è la possibilità che Apple, durante questo evento, sprechi un po’ di parole per parlare delle serie TV dell’azienda o meglio ancora l’annuncio di un vero e propio servizio di streaming video cosa non totalmente impossibile visti i rumor e le informazioni emerse nei mesi scorsi, In particolare una foto pubblicata sul profilo Instagram dell’Ex direttore di Apple Music “Steven Huon”.

L’appuntamento è per Lunedì 4 Giugno 2018 su questo sito dove, subito dopo la loro presentazione, troverete tutti gli articoli riguardo le novità presentate, sperando che siano in linea con quelle scritte in questo articolo.

Di Vittorio Pagani

Appassionato di Tecnologia e sopratutto del mondo Apple, mi piace provare nuovi prodotti di ogni genere, la mia più grande passione è costruire e collezionare Lego, Amo l'Italia e il cibo Italiano, nel tempo libero mi programmo a più posso mentre ascolto bella musica.

Controlla anche

Discorso di Steve Jobs alla Stanford University del 2005

In questo secondo articolo della mia rubrica “Pillole di storia” voglio parlavi dell’immemorabile discorso che …