Home / Editoriali / Cosa è successo oggi: Martedì 20 Marzo 2018

Cosa è successo oggi: Martedì 20 Marzo 2018

Partiamo subito dalle Borse: Oggi le azioni AAPL hanno avuto un rialzo di 0,86 punti  (+0,81%) raggiungendo una capitalizzazione record a 893,80 Mrd di Dollari.

L’indice Dow Jones ha avuto un rialzo di 144,60 punti (+0,59%), Bene anche l’altro Indice il Nasdaq che ha avuto un rialzo di 22,57 punti (+0,31%), Per ultimo Piazza Affari ha avuto un rialzo di 184,44 punti (+0,81%).

Passiamo al mondo della tecnologia: Altra giornata piena di News parto subito da quella più interessante: Secondo l’analista Karl Ackerman della “Cowen and Company” entro fine anno Apple potrebbe rilasciare l’iPhone SE di seconda generazione più economico dedicato ai mercati emergenti, Sempre secondo l’analista le vendite di iPhone X sono state molto buone e hanno soddisfatto le aspettative dei mesi precedenti, diversa però sarà la situazione dei prossimi mesi con vendite inferiori rispetto alle previsioni e sempre riguardo ad iPhone X, secondo una nuova nota pubblicata su CNBC, gli analisti della Nomura hanno dichiarato che il suo più grosso problema è l’alto prezzo di vendita che potrebbe compromettere la leadership di Apple nel mercato degli smartphone di fascia alta:

Non crediamo che sia una coincidenza il fatto che la fascia più alta del portafoglio prodotti Apple, l’iPhone X, sia il modello che sta registrando prestazioni inferiori alle aspettative. La concorrenza è sempre più agguerrita, soprattutto in Cina dove gli smartphone di fascia media vanno per la maggiore.

Sempre secondo gli analisti, questa situazione non comprometterà solo Apple con l’iPhone X ma anche Samsung con i Galaxy S9.

Oggi il noto sito Americano “The Verge” ha ripubblicato, ad oltre un anno dal la lancio, una recensione delle AirPods, scritta da Vlad Savov, dove ha affermato che si tratta dei migliori auricolari Wireless che abbia mai provato:

Per me non è stato facile provare in modo distaccato questi auricolari. Trascorro le mie giornate con cuffie grandi e costose come le eccezionali Audeze MX4, perché la mia priorità è a favore della massimizzazione della qualità del suono rispetto alla praticità.

Così, quando ho guardato per la prima volta gli AirPods, tutti lucidi, fragili e incredibilmente piccoli, non credevo che avrebbero suonato abbastanza bene da giustificarne il prezzo di 159 dollari. Guardarli e vedere che erano proprio come gli EarPods non mi dava molta fiducia.

In termini di praticità siamo al top, senza ingombranti cavi e con un’ergonomia ai massimi livelli, che avevo già testato proprio con gli EarPods.

A livello sonoro, gli AirPods trasmettono un senso pieno e avvolgente della musica che ascolti. Con ciò, non intendo dire che sono tecnicamente spettacolari. Non riempiono il mio mondo di un luccichio scintillante quando ascolto “Rachel’s Song” della colonna sonora di Blade Runner, ma mi mettono ancora in uno stato d’animo nostalgico. Allo stesso modo, i bassi degli AirPods non fanno tremare il mio mondo, ma colpiscono comunque con un impatto sorprendente su brani come “Iron” di Woodkid. C’è abbastanza di tutto – estensione, amplificazione, suono, chiarezza e dettagli – nell’ottimizzazione realizzata da Apple per offrire una riproduzione convincente della maggior parte dei generi musicali.

Gli AirPods non sono tecnicamente perfetti, almeno stando agli standard attuali di qualità del suono in assoluto. Se però prendiamo i soli auricolari wireless, gli AirPods sono i migliori che abbia mai provato e ascoltato.

Gli AirPod riproducono uno spettro audio più ampio rispetto alla maggior parte degli auricolari Bluetooth, senza essere più spessi o sporgenti dall’orecchio. Il compromesso di di Apple, tra design e qualità audio, è semplicemente il più ottimale che esista al momento.

Gli AirPods non isolano affatto dal suono esterno e quindi puoi continuare una conversazione con qualcuno accanto a te senza mai doverli togliere dall’orecchio. Questo, però, rende meno ottimale il loro utilizzo in centri urbani rumorosi, magari mentre prendiamo la metro. Durata della batteria sicuramente migliorabile, anche se il case viene in nostro aiuto.

Il prezzo di 159$ è più alto di quanto la maggior parte delle persone sia felice di spendere per degli auricolari. Ma quando guardo ai limiti di ciò che è possibile acquistare oggi – in termini di miniaturizzazione di componenti audio e wireless – non riesco a vedere una migliore combinazione tra prezzo, caratteristiche e prestazioni rispetto a quanto offerto dagli AirPods. Il prezzo è giusto e i compromessi sono accettabili.  La cosa che gli AirPod condividono con le cuffie giganti costruite da produttori come Audeze e Focal è che trasmettono il senso e l’intento della musica. E il motivo per cui ora utilizzo gli AirPods anche quando sono a casa, la cosa unica che delizia tutti gli utenti, è la loro facilità d’uso senza rivali.

Sempre oggi, Apple ha informato gli sviluppatori registrati alla piattaforma, di un cambiamento, a partire da Aprile 2018, riguardo le Policy di iTunes Connect, In poche parole, d’ora in poi gli sviluppatori che vorranno modalità il testo delle novità dell’ultima aggiornamento pubblicato o l’URL che porta alla pagina di supporto dell’app, dovranno sottoporre l’applicazione ad una nuova verifica da parte di Apple tramite l’App Review, Fino ad ora era possibile modificare queste informazioni senza sottoporre alcun update e gli sviluppatori potevano cambiare il testo della descrizione e l’URL in qualsiasi momento senza l’approvazione di Apple.

Diamo uno sguardo velocemente alle ultime notizie di oggi:

  1. Secondo il sito Reuters Apple ha un notevole vantaggio di due anni rispetto alla concorrenza per quanto riguardo l’altissima tecnologia e la sicurezza utilizza per il riconoscimento 3D e il sensore Face ID.
  2. L’azienda “Sila Nanotechnologies”, che collabora da anni con Apple è riuscita a realizzare un nuovo tipo di batteria che promette dal 20 al 40% di capacità in più, Al momento tale batteria rimane in fase di progettazione e test, ma non è escluso che in futuro questa novità potrebbe arrivare sui dispositivi Apple quali iPhone e iPad.
  3. In poco più di 3 mesi dal lancio, la piattaforma GymKit, Technogym ha realizzato oltre 5.000 attrezzi per palestra compatibili con Apple Watch che invierà i dati sulla frequenza cardiaca, mentre l’attrezzo invierà le statistiche sui passi effettuati, calorie bruciati e pendenza.
  4. Durante la dodicesima edizione della Digital Media “Trends Survey” ha rilevato che il 55% delle famiglie Americane utilizza almeno un servizio di video streaming e che l’abbonato medio paga tre diversi servizi di streaming per un valore di oltre 2 miliardi di Dollari al mese spesi.
  5. Secondo un nuovo report dell’analista Amit Daryanani della RBC, quest’anno Apple registrerà una crescita del 20% dei ricavi per i suoi servizi quali: App Store, iTunes Store, Apple Music, Apple Pay, Apple Care, iCloud e Licenze Business, Tale crescita dovrebbe compensare la diminuzione della vendite di iPhone X.
  6. Oggi due noti Youtuber “SquareTrade” e “Phonebuff ” hanno pubblicato i drop test del nuovo Samsung Galaxy S9 dove si evince che quest’ultimo ha battuto l’iPhone X di Apple ma non senza dolori.

Passiamo alle notizie curiose: La prima è che, a partire da ieri, negli USA, è possibile acquistare la Tesla Model 3, che arriverà in Europa nel corso di quest’anno, pagando l’anticipo di 1.000$ tramite il servizio “Apple Pay” usando una carta di debito o di credito, in precedenza era possibile pagare solo tramite PayPal o carta di credito.

L’altra notizia curiosa è che dalle analisi della Sensor Tower il gioco “Fortnite” disponibile sia su iOS che su Android, in soli 4 giorni ha generato un guadagno di oltre 1,5 milioni di dollari solo in acquisti in-app, e pensare che il gioco si può essere scaricato gratuitamente su App Store e sul Google Play ma per giocarci è necessario ricevere un invito da parte di qualcuno o direttamente dallo sviluppatore “Epic Game”, È possibile registrarsi per ricevere tale invito cliccando QUI.

Per oggi non ho da parlarvi di nessuna notizia riguardo il mondo dei mattoncini Lego.

 

Nota Bene: I dati sulla Borsa sono aggiornati all’ora di pubblicazione di questo editoriale e possono subire modifiche senza nessun preavviso, Il sito e il proprietario non forniscono nessuna consulenza finanziaria né tale articolo è da ritenersi una consulenza in ambito di investimenti e non.

Di Vittorio Pagani

Appassionato di Tecnologia e sopratutto del mondo Apple, mi piace provare nuovi prodotti di ogni genere, la mia più grande passione è costruire e collezionare Lego, Amo l'Italia e il cibo Italiano, nel tempo libero mi programmo a più posso mentre ascolto bella musica.

Controlla anche

Cosa è successo oggi: Mercoledì 13 Giugno 2018

Partiamo subito dalle Borse: Oggi le azioni AAPL hanno avuto un rialzo di 0,39 punti (+0,20%) raggiungendo …